PUBBLICATO 

mercoledì 2 novembre 2022

Imprese di Pulizia/sanificazione e l’obbligo di visita medica : La sorveglianza sanitaria.

Quando si parla di sicurezza sui luoghi di lavoro, è sempre bene distinguere tra gli obblighi minimi di legge e le opportunità: talvolta, può essere opportuno integrare i requisiti minimi richiesti dalla legge , generalmente per la mansione di addetti alle pulizie fatta la distinzione tra pulizie civili, industriali, sanitarie , sanificazione , non sono previsti esami di sangue ed urine, ma solo una visita medica corredata da esame spirometrico, a meno che dall'analisi del rischio chimico dei prodotti d utilizzati non emerga un rischio rilevante per la salute.

Bisogna, quindi , analizzare il Documento di Valutazione dei Rischi, all'appendice rischio chimico, e consultare le schede tecniche di sicurezza dei prodotti chimici utilizzati ., senza trascurare l’analisi per l'eventuale presenza di mansione alcol-correlata, per la conduzione di automezzi aziendali e/o attrezzature particolari , e infine il rischio da lavoro in quota (nel caso operiate ad altezze superiori ai due metri) e il lavoro notturno.

In ogni caso: il lavoratore dell’impresa di pulizie è esposto ad alcuni rischi (in particolare biologici , chimici e fisici ) che rendono obbligatoria la sorveglianza sanitaria e quindi la nomina de Medico Competente.

Che cos’è la Sorveglianza Sanitaria ?

La sorveglianza sanitaria è l’insieme degli atti medici aventi la finalità di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori, in relazione ai fattori di rischio professionali, all’ambiente di lavoro e alle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa.
L’art. 25 del D.Lgs 81/08 elenca gli obblighi e responsabilità del medico del lavoro nell’espletamento della sua attività di sorveglianza sanitaria che accenniamo di seguito:
• istruire aggiornare e custodire, sotto la propria responsabilità, la cartella sanitaria di rischio informatizzata per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria. Nelle aziende o unità produttive con più di 15 lavoratori il medico competente concorda con il datore di lavoro il luogo di custodia delle cartelle.
• effettuare sopralluoghi con periodicità annuale o con periodicità da stabilire in funzione del rischio
• redigere ed aggiornare il protocollo sanitario
• effettuare la visita medica del lavoro
• informare i lavoratori sul significato degli accertamenti cui sono sottoposti
• effettuare la visita periodica
• firmare e verificare, con eventuali osservazioni, il Documento di Valutazione del rischio (DVR) relativamente alla parte di sorveglianza sanitaria lavoratori
• rilasciare l’idoneità allo svolgimento della mansione
Cosa prevede la sorveglianza sanitaria?
Vediamo quali sono le tipologie di visite che il medico deve effettuare per la sorveglianza sanitaria per i lavoratori delle imprese di pulizia:
• visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica. La periodicità di tali accertamenti ha di norma una cadenza annuale a meno di diversa valutazione del medico competente in funzione della valutazione del rischio o di casi particolari.
• visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi professionali o alle sue condizioni di salute al fine di esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica;
• visita medica in occasione del cambio della mansione onde verificare l’idoneità alla mansione specifica;
Protocollo sanitario di sicurezza sul lavoro
Il protocollo sanitario viene definito dal medico competente in funzione dei rischi specifici presenti nell’ambiente di lavoro che prevede gli accertamenti sanitari specialistici previsti. (art. 229, co4, D.Lgs 81/08).

Un protocollo di sorveglianza sanitaria è infatti l’insieme delle visite mediche, delle indagini specialistiche e di laboratorio, delle informazioni sanitarie e dei provvedimenti adottati dal medico, al fine di garantire una maggiore sicurezza sul lavoro a tutti i lavoratori.
In relazione agli obblighi di sorveglianza sanitaria, il Medico Competente dispone :
• la definizione dei protocolli sanitari per D.Lgs. 81/08 e D.Lgs. 101/20
• l’identificazione, la verifica dei nuovi assunti e la collocazione nello specifico protocollo sanitario
• la gestione dei protocolli personali per ogni lavoratore
• la gestione informatizzata della cartella sanitaria e di rischio (nuova istituzione, sospensione riattivazione e chiusura)
• il monitoraggio delle visite, delle vaccinazioni e delle cartelle sanitarie e di rischio e la gestione di tutte le tipologie di visita (preventiva, periodica, cambio mansione, su richiesta del lavoratore e fine rapporto)
• la pianificazione guidata delle visite mediche in funzione delle disponibilità del medico
• la ripianificazione delle visite
• la gestione guidata dell’anamnesi lavorativa, personale, familiare, patologica remota e patologica prossima
• l’emissione del giudizio di idoneità con indicazione guidata e consultazione storica di esami obiettivo e organi bersaglio
La soluzione : una gestione integrata della sicurezza aziendale
Come si vede dalla nostra esposizione , non esaustiva , la sorveglianza sanitaria è un obbligo di legge la cui elusione è punita penalmente, che richiede la gestione coordinata con l’insieme delle attività del Servizio di Prevenzione e Protezione aziendale. Una attività complessa che richiede un elevata sinergia tra le varie figure aziendali in particolare tra il Medico Competente e il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione per ottenere un servizio efficiente a tutela dell’azienda , dei lavoratori e in particolare del Datore di Lavoro cui fanno capo tutte le responsabilità di legge previste.
Per questo 626 School srl fornisce un servizio integrato di elevato valore strategico per l’impresa di pulizia , multiservizi e sanificazioni che vuole essere conforme con le normative vigenti e competere in tutta sicurezza nel mercato di riferimento.

Metallo fuso in fonderia