IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NELLE IMPRESE MULTISERVIZI , PULIZIE E SANIFICAZIONE

Il ruolo e i compiti del Servizio di Prevenzione e Protezione ai sensi del D.Lgs. 81/08 e del Responsabile ,dell'addetto e del Medico Competente



La drammatica pandemia che ha così duramente colpito il nostro Paese negli ultimi due anni , ha determinato una più attenta valutazione, dettata dall’emergenza sanitaria , alle problematiche relative alla pulizia , alla sanificazione degli ambienti di vita e di lavoro e per ultima la necessità per obbligo di legge di ricorrere a sanificazione degli ambienti dopo ogni contaminazione e contatto con il virus Sars Covid 19.


Il fenomeno ha generato un forte incremento delle attività di pulizie e sanificazioni determinando forti e positive ricadute per l’intero settore , che ha visto un incremento delle ore lavorate, del fatturato e dell’occupazione.


Ma, come sempre, c’è anche il rovescio della medaglia, in termini di sottovalutazione dell’adozione di rigorose misure di sicurezza per i propri lavoratori , per l’utente finale, dovute spesso dall’improvvisazione a fronte della crescente domanda.

All’inadeguatezza e all’impreparazione si è aggiunto il fenomeno, da non sottovalutare della nascita di un numero importante di nuove aziende spesso improvvisate e senza i requisiti professionali previsti dalle normative vigenti.


I rischi del settore

L’analisi del rischio, nel settore delle imprese di pulizie , multiservizi e sanificazione , non può prescindere dai dati statistici forniti dall’INAIL e altre istituzioni , ma deve tenere conto sia dei processi lavorativi che degli ambienti di lavoro e delle attrezzature utilizzate:


  • L’utilizzo per esempio di spazzoloni, secchi e scale, può comportare rischi da movimenti scorretti o ripetuti;

  • L’uso di macchine per la pulizia come aspirapolveri, idro-pulitrici, ecc.. che può comportare anche il rischio aggiuntivo di elettrocuzione, di esposizione a sorgenti rumorose, a vibrazioni ;

  • I rischi derivanti dalla natura eterogenea dei luoghi di lavoro oggetto delle pulizie, che inoltre raramente ricadono sotto la giurisdizione del datore di lavoro degli addetti alle pulizie;

  • Le pulizie in quota di vetri e finestre, le pulizie di camini o canne fumarie, di fornaci, di inceneritori, di caldaie, di condotti di ventilazione e di dispositivi di evacuazione dei fumi.

  • Il rischio chimico relativo all’utilizzo di prodotti per la pulizia e la disinfezione; prodotti che possono essere tossici, corrosivi piuttosto che infiammabili ;

  • L’attività di pulizia e disinfezione dei servizi igienici potrebbe esporre gli addetti ad un rischio di tipo biologico, accentuato dal pericolo di contrarre infezione da Covid 19 ;


Ma sulla valutazione dei rischi e sulle misure corrette da adottare torneremo in un successivo articolo . Ora vogliamo ricordare brevemente i compiti e le responsabilità delle figure che compongono il Servizio di Prevenzione e <Protezione la cui costituzione in ogni azienda , di qualsiasi dimensione , è un obbligo non delegabile del Datore di Lavoro , la mancata costituzione determina un reato penale che potrebbe comportare anche la chiusura dell’impresa inadempiente.


Le responsabilità del Datore di Lavoro

Il servizio di prevenzione e protezione (SPP) è una struttura organizzata all'interno delle aziende che opera per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Il suo compito principale è quello di prevenire gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, attraverso il controllo degli ambienti di lavoro, la valutazione dei rischi e l'adozione delle opportune misure di sicurezza. Il Datore di Lavoro è tenuto a nominare un Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), un Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione (ASPP) e un Medico Competente.


Il ruolo del Servizio di Prevenzione e Protezione

Il Servizio di Prevenzione e Protezione ha il compito di assicurare che le imprese multiservizi, pulizie e sanificazione svolgano le loro attività in sicurezza per i lavoratori e per l'ambiente. Per questo deve valutare i rischi presenti nell'attività dell'impresa, elaborare un programma di prevenzione e protezione, contenuto nel Documento di Valutazione dei Rischi ,verificarne l'efficacia e informare formare e addestrare i lavoratori. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è nominato dal datore di lavoro ed è responsabile dell'attuazione del programma di prevenzione e protezione. L'addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione deve essere formato per svolgere i propri compiti in modo efficace.


I compiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione ( RSSP ) ha il compito di:

  • Organizzare e coordinare il Servizio di Prevenzione e Protezione;

  • Redigere un documento programmatico contenente le misure da adottare per la prevenzione dei rischi professionali

  • Assicurare che le attività lavorative siano svolte in conformità alle disposizioni legislative, regolamentari e contrattuali in materia di salute e sicurezza sul lavoro;

  • Verificare periodicamente l'efficacia delle misure adottate per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori;

  • Cooperare con il Datore di Lavoro per garantire la migliore tutela possibile dei lavoratori.


I compiti dell'addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione

Il D.Lgs. 81/08 e le successive modifiche intercorse, ha specificato la disciplina riguardante il Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi sul lavoro (S.P.P.). In particolare, tale decreto individua nell'addetto al S.P.P., oltre che nel responsabile del servizio, i soggetti preposti alla sua organizzazione e funzionamento. In base a quanto previsto, l'addetto al S.P.P. deve possedere un idoneo titolo di studio ed essere in possesso delle capacità e competenze professionali necessarie per svolgere le proprie mansioni con efficacia attraverso uno specifico percorso formativo.


Il Servizio di Prevenzione e Protezione della Tua impresa è stato regolarmente costituito ?

La costituzione del SPP è un atto formale di cui ogni azienda deve, secondo le normative vigenti , fornire alle autorità preposte evidenza oggettiva in caso di verifica ispettiva . Quindi ogni impresa deve essere in possesso dei seguenti documenti:

  • Nomina del Responsabile del SPP ;

  • Nomina del Addetto al SPP ;

  • Nomina del Medico Competente ;

  • Nomina per iscritto del Preposto secondo la recente normativa del Dicembre 2021 ;

  • Designazione degli Addetti alle Squadre di Antincendio e Primo Soccorso;


Hai una impresa multiservizi , di pulizia e sanificazioni ? Sai che 626 School è specialista per la valutazione dei rischi e offre RSPP specialisti per le aziende di servizi ?

Visita il nostro sito dedicato QUI

https://www.sanificazioneperimpresa.it/





6 visualizzazioni0 commenti